La Basilicata protagonista di Terra Madre Salone del Gusto

8' di lettura 19/09/2022 - La Basilicata anche quest’anno è protagonista di Terra Madre Salone del Gusto, il più grande evento internazionale dedicato al cibo buono, pulito e giusto, in scena a Torino dal 22 al 26 settembre 2022

La regione è presente a Terra Madre Salone del Gusto con uno spazio espositivo e un programma di appuntamenti curati dalla Direzione Generale Politiche Agricole, Alimentari e Forestali della Regione Basilicata insieme al Consorzio di Tutela Aglianico del Vulture, i Comuni di Potenza e Matera, l’Ente Parco Vulture e l’Alsia, Agenzia Lucana di Sviluppo e Innovazione in Agricoltura.

Terra Madre quest’anno torna all’aperto e riunisce oltre tremila tra contadini e allevatori, delegati dei popoli indigeni e cuochi, migranti e giovani attivisti provenienti da 150 paesi intorno al claim #RegenerAction. Organizzato da Slow Food, Comune di Torino e Regione Piemonte, quest’anno cambia formula e si presenta alla città in una nuova veste: si svolge, infatti, all’aperto al Parco Dora con ingresso gratuito. Il ricco programma di oltre 500 eventi mette in luce come il cibo possa essere una preziosa occasione di rigenerazione. Questo, infatti, il tema della 14esima edizione di Terra Madre Salone del Gusto: una rigenerazione che parte dal cibo, inteso come motore della transizione ecologica necessaria al rinnovamento del pensiero e della società, passando attraverso il rinnovamento delle pratiche agricole, dei sistemi di produzione e distribuzione, delle diete e delle abitudini di consumo, nelle città come nei piccoli borghi.

Mai come quest’anno è stata così corposa la presenza delle regioni italiane a Terra Madre: sono, infatti, tutte presenti nel Mercato grazie agli espositori e quasi tutte sono rappresentate dalle istituzioni che hanno aderito all’evento allestendo uno spazio dedicato in cui presentano progetti, produttori e artigiani del loro territorio.

La biodiversità dei lieviti e l’energia attiva dei fermenti: le forze di rigenerazione che la Basilicata porta a Terra Madre Salone del Gusto 2022, anche attraverso la voce di 29 aziende lucane presenti all’evento, passano attraverso micro mondi in grado di produrre cibi puliti e giusti, ancorati alle radici, creati e trasformati in nuove forme e sapori che raccontano di un territorio che si evolve nel rispetto della terra, della sostenibilità e dell’inclusione sociale. Lo spazio espositivo della Basilicata ospita quindi una serie di degustazioni, laboratori di sapori e saperi, attività didattiche per bambini e approfondimenti su salumi lucani, formaggi fermentati al naturale, erbe officinali e su dolci confetture dedicati alle numerose sfaccettature del territorio lucano.

Nello spazio della regione Basilicata è disponibile il corner del Geoportale della Cultura Alimentare - GeCA dove vengono proiettati ogni giorno materiali video e interviste. Il progetto, nato con Expo 2015, nasce dalla volontà di condividere in un’unica identità digitale gli archivi documentali già presenti sul territorio nazionale connessi alla cultura alimentare, con lo scopo di contribuire allo sviluppo dei territori su base turistico-culturale. In particolare il Geoportale valorizza e diffonde il patrimonio enogastronomico Lucano per trasmetterlo a un pubblico non solo di esperti. Tutto questo è stato possibile grazie a un’inedita sinergia tra l’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale del Ministero della Cultura (ICPI – MiC) e Slow Food. La rete Slow Food Lucana, infatti, si è occupata in particolare di ricercare e mappare i prodotti enogastronomici e le tracce di cultura popolare a essi legate. e finanziato dal PON (Programma Operativo Nazionale) Cultura e Sviluppo. Il progetto sarà presentato sabato 24 settembre alle 18:30 nell’appuntamento Dall’arca del Gusto ai Presìdi, come salviamo la biodiversità, ospitato nell’Arena Gino Strada.

Intervengono Leandro Ventura, direttore dell’Istituto Centrale Patrimonio Immateriale “In Basilicata l'Arca del Gusto incontra il Geoportale della Cultura Alimentare”, Elena Bichi e Felice Suma, che presentano il progetto Presidiamo la Puglia, Mara Welton di Slow Food USA, coordinatrice della campagna Plant a seed, Wendy Barrie, referente progetti biodiversità in Scozia, Seiko Kumakura, coordinatore del programma di libri illustrati di Slow Food Nippon. Modera Serena Milano, direttrice di Slow Food Italia e Segretario Generale della Fondazione Slow Food per la Biodiversità.

Anche il Parco del Vulture è presente a Terra Madre con un palinsesto di eventi ad hoc pensati per valorizzare il territorio attraverso presentazioni e degustazioni. Si parte la sera di giovedì 22 settembre con la presentazione Il Marchio Collettivo del Parco Regionale del Vulture e si prosegue con un doppio appuntamento venerdì 23: un laboratorio sull’olio DOP del Vulture e uno sull’Aglianico. Sabato 24 settembre va invece in scena Il marroncino del Vulture: dalla Varola al tegame, un approfondimento tematico con laboratorio di cucina con l’uso gastronomico il recupero della coltivazione dei castagneti come tutela della varietà locale nella prospettiva del riconoscimento di Presidio Slow Food.

Il programma completo è disponibile sul sito di Terra Madre Salone del Gusto. Gli appuntamenti sono prenotabili all’indirizzo email slowfoodbasilicata@gmail.com o presso lo stand della Regione Basilicata.

Numerosi anche gli appuntamenti in programma a Terra Madre con un focus sulla Basilicata. Di seguito una selezione.

Laboratori del Gusto

Immancabili anche quest’anno i Laboratori del Gusto, l’occasione perfetta per assaggiare formaggi e salumi naturali, vini, preparazioni a base di nocciole, cozze tarantine e spezzine, pesci di lago ed erbe spontanee, ma anche per conoscere e testare con mano la cucina di chef italiani e internazionali.

Giovedì 22 settembre ore 19 - Sapori del sud: itinerario tra latti, grani e uve

Dal sud Italia proviene un’incredibile varietà di formaggi. nel nostro viaggio tra i sapori del sud ne incontrerai diverse tipologie, prodotte con latte vaccino, ovino e caprino, e diversi tipi di caglio. Tra le tappe del laboratorio troviamo anche il caciocavallo podolico lucano, espressione raffinatissima della tecnica “a pasta filata”, ricavato dal latte di vacche di razza podolica. I pani di accompagnamento sono i prodotti della comunità Slow Grains. In abbinamento i vini della Cantina Grifalco, della Cantina Gorghi Tondi e della Cantina Valle Reale, selezionati dalla Banca del vino Pollenzo (CN).

Birrifici, food truck e cucine di strada

A Terra Madre Salone del Gusto 2022 non possono mancare birrifici, food truck e cucine di strada che ci offrono una vasta scelta tra bombette, patate ripiene, schiacciate, polpette, gnocco fritto e molto altro dalle tradizioni delle regioni italiane.

• Birrificio del Vulture - Rionero in Vulture

• Mest Società Cooperativa Sociale - Birrificio Matarè - Matera

• Milvus Brewery - Avigliano

Gli espositori del Mercato di Terra Madre

Dal pane ai salumi, dai latticini ai prodotti ittici, il Mercato di Terra Madre accoglie anche quest’anno oltre 700 produttori dall’Italia e dall’estero che pongono una particolare attenzione all’uso di prodotti locali naturali e al benessere degli animali allevati.

• Agricola Masseria F.lli Vaccaro

• Antico Frantoio di Perna

• ATS Lucania Fine and Quality Food - Serrealte - San Mauro Forte

• ATS Lucania Fine and Quality Food - Tenuta Golfi - Grassano

• Azienda Agricola Brigante Lucano srls - Vaglio Basilicata

• Azienda Agricola Bitonti Pietro - Ferrandina

• Azienda Agricola Vincenzo Marvulli - Matera

• Eat Lucano - Pomarico

• Filardi Maria Anna - Stigliano

• Frantoio Oleario Fratelli Pace - Pietragalla

• Frantoio Oleario Ruscigno srl - Tricarico

• L’antico Granaio - Matera

• La majatica di Angelo Valluzzi - San Mauro

• Le Querce di Annibale srl - Melfi

• M&C Fabbrica Alimentare - Pasta Alica - Tito

• Mest Società Cooperativa Sociale - Birrificio Matarè - Matera

• Milvus Brewery - Avigliano

• Montanaro Food srl - Palazzo San Gervasio

• Frantoio Oleario Bio Sapori Lucani - Stigliano

• Pasta La Lucana - Genzano Di Lucania

• Pera Signora della Valle del Sinni - Rotondella

• Podere Malvarosa - Melfi

• Salumificio Carbone - Tricarico

• Sempre Freddo - Avigliano

• Società semplice agricola Caggiano-Summo Il Parco delle Bontà - Forenza

• Stagionatura formaggi Tortorelli Antonio - Paterno

• Tenute Giardino Santo Stefano - Rapone

Presìdi Slow Food

Non possono mancare i Presìdi Slow Food dall’Italia e dall’estero, simbolo dell’impegno di Slow Food a tutela delle produzioni locali che racchiudono storia, sapori e tradizioni da proteggere, come ad esempio come il pezzente della montagna materana, preparato con il suino il Nero di Lucania, il caciocavallo podolico della Basilicata, simbolo della tradizione casearia meridionale, l’oliva infornata di Ferrandina, lavorata ancora secondo il metodo tradizionale, la pera signora della Valle del Sinni, una varietà profumata e delicata quasi scomparsa.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-09-2022 alle 17:34 sul giornale del 20 settembre 2022 - 110 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa, Regione Basilicata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dqLb





logoEV